RITORNA ALLA HOME PAGE

  

                        

Yeshua

Ritorna all'ingresso della sezione "la croce di spine"

ritorna all'indice

Dai un giudizio sul libro

ACQUISTA IL LIBRO

 

 
    Spazio Google adsense         
                 
 

Gli estratti pubblicati sono soggetti a Copyright. E' possibile stampare o diffondere gli stessi in internet, purchŔ non modificati e semprechŔ espressamente riferiti all'autore.

LA CROCE DI SPINE

BREVE NOTA SOSTITUTIVA DEL CAPITOLO "IL MESSIA RITROVATO"

 

Dopo lunghe riflessioni ho scelto di non pubblicare tra gli estratti questo capitolo (almeno per qualche tempo).

Lo scopo di queste pagine Ŕ quello di mettere in condizione il visitatore di valutare l'acquisto dell'opera in relazione al proprio personale interesse per la materia trattata, per la metodologia seguita, per i criteri espositivi prescelti.

Pubblicare in questa sede un capitolo di assoluta centralitÓ come quello de "il messia ritrovato", oltre a risolversi in un torto nei confronti di chi ha sostenuto il pur modesto sforzo economico di acquistare il libro, lascerebbe il visitatore privo di quella visione completa che, soprattutto in relazione all'argomento trattato, pu˛ essere raggiunta soltanto seguendo l'intero percorso testuale dell'opera.

 

In questa breve nota mi limito, pertanto, ad annunciare il definitivo superamento di una delle pi¨ inflazionate osservazioni dei detrattori della linea storica di ricerca cristologica che ha individuato nel figlio promogenito di Giuda il Galileo colui al quale si ispir˛ l'antica coniazione del mito gesuano: l'assenza di documentazione sul personaggio di Giovanni di Gamala.

 

L'irrequieto discendente della famiglia Asmonea Ŕ infatti ben presente negli scritti di Giuseppe Flavio tra le smagliature testuali e le scorie narrative sopravvissute al bombardamento di falsificazioni perpetrate dalle "pie mani" ai danni delle opere di Giuseppe.
Riconoscerlo non Ŕ stato facile eppure  Ŕ lÓ... chiamato col suo nome, ne Ŕ stata abbozzata la fisionomia, ne Ŕ stata accennata la fine.

Per non renderlo riconoscibile i falsari "ispirati" ne hanno mescolato l'identitÓ a quella di altro Giovanni al quale sembra che Giuseppe si riferisca, senza considerare che, per ci˛ che viene detto, lo stesso non pu˛ avere assolutamente inteso riferirsi a detto ultimo personaggio.

Il capitolo in questione, presentando l'analisi critica di un passo mai adeguatamente valorizzato da studiosi ed esegeti delle opere dello storico ebreo, getta una nuova e sorprendente luce sulla preziosa testimonianza di un'identitÓ fino ad ora soltanto intuita su basi congetturali ed indiziarie.

 

Giancarlo Tranfo